Senza categoria

Coronavirus: scarica l’Autodichiarazione sugli spostamenti

modulo autodichiarazione sugli spostamenti

Da oggi e fino al 3 aprile l’Italia è zona protetta. La decisione è stata presa ieri sera dal Governo ed è stata comunicata dal Premier Giuseppe Conte a reti unificate. Lo si fa per limitare il più possibile i contagi e la diffusione del tanto temuto Coronavirus che nelle ultime settimane sta mettendo in seria difficoltà il nostro Paese. Gli spostamenti non necessari sono vietati, per tutti gli altri, invece, c’è un’Autodichiarazione sugli spostamenti che consente di uscire di casa per lavoro, salute o seria necessità. (Link per scaricare l’Autodichiarazione nell’articolo)

Sono due giorni che non esco di casa. È difficile per chi è abituato a spostarsi continuamente ma non è un problema. Lo faccio con piacere perché è la cosa giusta, non lo dico io, lo dice il Governo, perché da soli non siamo in grado di gestirci e lo abbiamo dimostrato negli ultimi giorni, non rinunciando a feste, uscite serali, passeggiate con amici in luoghi super affollati. E allora tutta l’Italia è dichiarata zona protetta.

Speriamo che questa decisione, in linea con il Decreto DPCM dell’8 marzo 2020 ci tiri fuori il prima possibile dal pericolo Coronavirus, di cui non si parla d’altro da giorni.

Chi può uscire di casa?

Chiunque sia costretto a spostarsi per motivi di lavoro, chi ha un parente malato da assistere, chi deve fare la spesa per la propria famiglia e altri casi simili. Per farlo, però, occorre compilare e portare con sé il modulo di Autodichiarazione sugli spostamenti, da esibire a Carabinieri, Polizia, Polizia municipale e tutti gli organi preposti, se richiesto. Il modulo si può scaricare al seguente link. 👇🏻

Nell’attesa di buone notizie, faccio un grosso in bocca al lupo a tutti i titolari di attività commerciali, tra i quali ci sono anche molti miei clienti, che stanno vivendo dei momenti difficili per via di queste (giustissime) iniziative ministeriali ma stanno sposando con intelligenza la causa, pur consapevoli di subire grossi danni a livello economico.

Andrà tutto bene!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *