Marketing

Crisi aziendale post Coronavirus: sei pronto a ripartire?

crisi aziendale coronavirus

Il mio prof. di Comunicazione d’Impresa all’Università diceva sempre che non bisogna pensare SE arriverà una crisi aziendale, ma QUANDO arriverà. Eh sì, perché prima o poi, anche per motivi imprevisti, la crisi arriva, proprio com’è successo con il Coronavirus. E allora? Ti sei fatto trovare preparato o no? E come pensi di ripartire per la Fase 2? Scopriamo insieme le possibili soluzioni.

Che molte imprese non fossero pronte e adeguatamente preparate ad affrontare una crisi aziendale è stato chiaro fin dai primi giorni del lockdown imposto dal Governo per contenere il contagio da Covid-19. La chiusura forzata ha fatto calare molte saracinesche, quelle delle attività non necessarie, e ha risparmiato solo supermercati, alimentari, farmacie e chiunque trattasse beni e servizi di prima necessità.

Chi offre servizi di consulenza o formazione ha potuto reinventarsi con dirette social, streaming, video corsi o anche semplici video per far sentire la propria vicinanza ai clienti che, come tutti, vivono lo stesso periodo di difficoltà.

Diverso è il caso delle imprese che offrono beni materiali non essenziali (bar, ristoranti, negozi) e che hanno dovuto bruscamente interrompere la loro attività e restare ad aspettare.

Ma aspettare è davvero la soluzione migliore?

Certo che no, ovviamente. Ed è proprio questa condizione di precarietà e impreparazione che ha fatto emergere due categorie di imprenditori: quelli già pronti a un’eventuale crisi, con un piano B a disposizione da tempo… e quelli che si sono dovuti fermare.

Con la Fase 2 potrai dire addio alla crisi aziendale?

Il peggio è passato, ovviamente, ma tutti gli imprenditori stanno già facendo i conti con il periodo immediatamente successivo al lockdown. Non sarà facile tornare alla normalità alla quale siamo abituati e non sarà neppure un percorso breve.

Chi sarà pronto a ripartire e chi sventolerà bandiera bianca?

Dopo una crisi viene sempre la rinascita, ce lo insegna la storia. Le abitudini dei consumatori, però, non saranno più le stesse, non così presto, almeno.

CHI HA ANTICIPATO I TEMPI E SI È ADATTATO ALLE NUOVE ESIGENZE SENZA PIEGARSI POTRÀ TRARRE VANTAGGIO DAL MOMENTO E SBARAGLIARE LA CONCORRENZA.

Come? Cambiando forma, reagendo in modo consapevole al problema e trasformando la crisi aziendale in un’opportunità!

Se fai parte di questa categoria di imprenditori avrai sicuramente superato a pieni voti la prima fase (anche se con non poche difficoltà, chiaramente) e sei riuscito a sopravvivere e a guardare avanti.

La FASE 2, che per tutti noi significa sicurezza, distanziamento sociale e precauzioni, per te, caro imprenditore, è sinonimo di RIPARTENZA, ORGANIZZAZIONE, NOVITÀ e STRATEGIA. Ed è questo il momento giusto per trasformare la crisi in OPPORTUNITÀ di crescita, anche a lungo termine!

Come ripartire più forti di prima dopo il Coronavirus. La Fase 2

Ecco alcune iniziative che potrebbero aiutarti a superare la crisi aziendale degli ultimi mesi e preparare la tua attività per un futuro tutto nuovo.

1 – Stimola l’acquisto di buoni pasto

I buoni pasto sono una fonte di guadagno immediata, ottimi per incassare anche durante la chiusura forzata e per consentire di pagare le spese. E poi possono far conoscere la tua attività a nuove persone che potranno trasformarsi presto in clienti.

Il Social Media Marketing può rivelarsi un ottimo alleato per poter ottenere il massimo da questa iniziativa.

2 – Sfrutta le prevendite

In questo periodo difficile, in tutta Italia sono nate iniziative spontanee dei consumatori a sostegno delle attività commerciali. Esse prevedevano la “prenotazione” di prodotti pagando in anticipo e sfruttando gli stessi benefici dei buoni pasto.

3 – Vai online!

C’è chi lo faceva già da prima e chi non ci ha mai creduto. Il risultato? Questi ultimi hanno sofferto molto di più mentre i primi non solo hanno superato la crisi ma in molti casi (come per gli e-commerce) hanno migliorato la propria posizione rispetto a chi ha perso terreno.

HAI UN E-COMMERCE? PUOI VENDERE ONLINE? Bene, è il momento giusto per trarre i benefici da questa situazione apparentemente difficile. Per farlo, devi ridefinire il tuo budget dando la giusta importanza alla promozione online e fidarti un po’ più del web, pianificando una strategia per trarre vantaggio da Facebook Ads e Google Ads.

4 – Resta sempre in contatto con i tuoi clienti

Un cliente che “resta” ti costa molto meno di un nuovo cliente e vale molto molto di più. Se per due mesi hai smesso di comunicare con il tuo pubblico le conseguenze non saranno buone.

Se invece hai continuato a far sentire la tua vicinanza a chi, in un modo o nell’altro, ha vissuto il tuo stesso malessere da “isolamento”, allora otterrai dei benefici. Un suggerimento per iniziare al meglio la Fase 2? VIDEO, DIRETTE, MESSAGGI E INTERAZIONI!

5 – Regala esperienze social

Non puoi vendere i piatti del tuo ristorante? Racconta ai tuoi clienti la qualità degli ingredienti, fai dei video tutorial, suggerisci qualche ricetta. Oppure chiedi pareri, fai domande, crea sondaggi e coinvolgi la tua audience. Oggi forse non ci guadagnerai, è vero, ma stai pur sicuro che avrai grandi benefici per il futuro. L’alternativa è restare in silenzio e farsi dimenticare. Non conviene, non trovi?

6 – Offri la spedizione gratuita

Molti clienti preferiscono acquistare di persona, un po’ perché non sono grandi smanettoni di internet ma anche perché non sopportano di dover pagare le spese di spedizione. Se la tua attività lo consente, potresti incentivare l’acquisto offrendo delle valide alternative: SPEDIZIONE/CONSEGNA GRATUITA o RITIRO PRESSO IL NEGOZIO (dopo l’acquisto online) per le attività locali.

7 – Sii più tollerante con i cambi e i resi

Il Coronavirus non ha colpito solo gli imprenditori, anche i tuoi clienti hanno sofferto l’isolamento e possono avvertire il disagio della chiusura o delle limitazioni dei loro negozi di fiducia. Per questo motivo potranno essere restii ad acquistare, anche nel periodo immediatamente successivo al lockdown.

Allunga, quindi, i tempi di consegna e sii più elastico con i resi per stimolare l’acquisto, otterrai in cambio la riconoscenza dei tuoi clienti e una maggior fidelizzazione.

8 – Raggiungi i clienti che già ti conoscono

È più facile vendere a chi non conosce la tua attività o a chi già apprezza i tuoi prodotti/servizi? Ovviamente la seconda!

Parti sempre dai clienti “fissi”, da quelli che già ti seguono da tempo e potrai ottenerne di nuovi attraverso la pubblicità su Facebook con il Pubblico Personalizzato. In questo modo potrai promuovere sconti, buoni regalo, prenotazioni e tutto quello che serve per far decollare la tua attività dopo la crisi aziendale che l’ha colpita.

L’emergenza Covid-19 ha messo in discussione tutti i settori dell’economia ma solo gli imprenditori più lungimiranti sono riusciti a sopravvivere e ora potranno ripartire e diventare più forti, mentre altri falliranno. Tu da che parte vuoi stare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *